Archivio

Archivio Dicembre 2012

Genova. Lavoratori della Provincia in lotta. Il nostro intervento

18 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Il testo del volantino di ControCorrente

Da ottobre 2008 ad aprile 2010 i governi europei hanno distribuito a banche ed enti finanziari circa 4130 miliardi di euro presi dalle nostre tasche per ripianare i buchi fatti con la speculazione finanziaria. Poi ci hanno mandato un Presidente del Consiglio, scelto da loro e dalla finanza internazionale, a dirci che non ci sono soldi per le pensioni, per la sanità, per la scuola, per i trasporti e per i dipendenti pubblici. Classe politica e imprenditoriale, dopo aver creato e tratto vantaggio per decenni da una burocrazia parassitaria e borbonica, seminando ovunque (e spartendosi) consigli d’amministrazione, authority, enti bilaterali, collegi di vigilanza, ecc., oggi improvvisamente scoprono che le Provincie non servono a nulla, che ci sono troppi sprechi e che non ci sono più i soldi per mantenere la pubblica amministrazione così com’è. A rischio i lavoratori, i servizi di manutenzione delle scuole e delle strade, ATP, già in crisi e sulla strada della privatizzazione, e tanti altri servizi utili soprattutto ai cittadini a basso reddito. I lavoratori dell’ILVA giorni fa sono scesi in piazza e, rivolti proprio a politici, amministratori e imprenditori, hanno gridato ‘Siete voi, siete voi la rovina dell’Italia siete voi’ e ‘Siete solo parassiti!’. Hanno ragione. In Italia e in Europa noi siamo con gli operai e coi dipendenti pubblici. Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

Trasporto. A Genova ControCorrente sfida il sindaco con 6 proposte

6 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Video importato

YouTube Video

Genova

Trasporto e servizi pubblici: 6 proposte ControCorrente

Dal 2008 al 2010 i governi europei hanno stanziato circa 4mila miliardi di euro per il salvataggio delle banche, circa un terzo del PIL europeo, più o meno il PIL di Italia, Francia e Gran Bretagna messi insieme. Dunque quando si parla di trasporto o più in generale di servizi pubblici, la questione di fondo a cui la politica deve rispondere è se a pagare per coprire i debiti fatti dalla banche e dalla speculazione finanziaria debbano essere lavoratori e utenti.

1. i sindaci possono dire NO alla riduzione dei finanziamenti, mobilitando i propri concittadini e anche violando i vincoli di spesa stabiliti dallo Stato. Un sindaco non è un ragioniere: è un politico eletto per rappresentare i propri concittadini. Se è di centrosinistra dovrebbe avere più attenzione ai lavoratori e ai ceti popolari, quelli che usano di più i servizi pubblici.

2. si possono ridurre i veri sprechi: azienda unica della mobilità, centrale unica degli acquisti e officina di manutenzione unica per le aziende partecipate del Comune, senza perdita di occupazione; riduzione della burocrazia e del numero dei dirigenti e abolizione (dove esiste) dell’Authority sulle aziende partecipate; abolizione delle tessere omaggio per politici e alti funzionari; verifica dei contratti di fornitura e degli appalti in corso; interventi sulla sicurezza per contenere i costi assicurativi sono alcune delle misure che proponiamo. Inoltre è possibile aumentare le entrate del Comune colpendo redditi e patrimoni alti (tassa di scopo sui grandi patrimoni immobiliari). Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

Eurodeputato contro la polizia francese per le violenze a Lione

4 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Paul Murphy:

‘Condanno l’aggressione

agli attivisti NoTAV a Lione.

Solidarietà ai manifestanti’

‘Sono stato informato da esponenti del movimento NoTAV presenti a Lione che la polizia francese ha cercato di bloccare i manifestanti che cercavano di lasciare Lione dopo la manifestazione di ieri contro il summit tra Monti e Hollande. Inoltre la polizia ha aggredito violentemente gli attivisti e alcuni di essi sono stati addirittura attaccati con spray al peperoncino mentre sedevano nei propri autobus’.

‘Ancora una volta le autorità utilizzano  la forza senza alcuna ragione contro un movimento popolare. Io condanno questa nuova aggressione contro manifestanti pacifici e comfermo il mio sostegno alla lotta del movimento NoTAV e la mia condivisione dei suoi obiettivi. La loro protesta è una forma legittima di disobbedienza civile contro una grande opera che non porterebbe alcun beneficio ai lavoratori, alle comunità locali dell’area e all’ambiente. Ho fiducia che il movimento continuerà nella sua protesta e io continuerò a stare convintamente al loro fianco’.

Paul Murphy, parlamentare europeo Gue/NGL

4 dicembre 2012

Categorie:Società Tag:

Genova. ControCorrente presenta 6 proposte su trasporto e servizi pubblici

4 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Mercoledì 5 dicembre dalle 11,30 a Brignole

Trasporto e servizi pubblici:

altre politiche in piazza

L’Associazione ControCorrente presenta, in P..zza Verdi, nell’area dei capolinea antistante la stazione Brignole (vicino al bar e all’edicola), le sue proposte sul trasporto pubblico locale, per una mobilità efficiente e accessibile a tutti, per la difesa delle aziende partecipate del Comune di Genova e contro la loro privatizzazione, per la creazione di un coordinamento di tutti coloro, lavoratori e cittadini, che, a partire dalle grandi città, si battono contro le privatizzazioni e i tagli ai servizi pubblici. Mentre la politica di centrosinistra si riempie la bocca con la formuletta dei ‘beni comuni’ le privatizzazioni avanzano. Dopo AMT si annuncia la vendita delle farmacie comunali, e poi? Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

Vertice Monti-Hollande per il TAV. La polizia attacca…

4 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Cosa è successo oggi a Lyon? Ve lo raccontiamo noi

Da un lato c’erano i governi delle crisi economiche dall’altro lato l’europa dei popoli, dei cittadini e delle lotte. I primi hanno firmato l’ennesimo protocollo privo di contenuti e inutile che non smuove un euro verso alcuna opera. I secondi hanno provato a manifestare il loro pensiero, la loro contrarietà verso queste scelte.

I primi, Monti e Hollande usando tutta la loro gradevole gentilezza hanno convinto i giornali e le tv che loro stessi governano che tutto sarebbe filato liscio d’ora in avanti, sul tav, sulle risposte da dare alla crisi economica e su molto altro ancora. Protetti da migliaia di poliziotti hanno firmato, parlato, fotografato, mangiato sulle spalle dei cittadini che tanto erano lontani chilometri. I no tav, i cittadini veri, quelli che le scelte dei governi le pagano sulla loro pelle sono stati scortati, e bloccati per almeno 4 ore al confine, poi ancora bloccati alle porte di Lyon e solo grazie alla loro caparbietà hanno raggiunto la piazza a loro concessa per manifestare. Prosegui la lettura…
Categorie:Società Tag:

Fotoalbum. ILVA. Anche la classe operaia nel suo piccolo s’incazza….

2 Dicembre 2012 Commenti chiusi

3 pagine di fotografie della manifestazione di venerdì a Genova.

http://resistenze.blog.tiscali.it/fotoalbum/?album=all&gallery=13&doing_wp_cron

Categorie:Società Tag: